Che cosa è?

La manifestazione vuole costituire un'occasione di incontro e confronto per una riflessione articolata sulle tematiche della pace e della nonviolenza

Quando?

Il Festival della Pace ha luogo dal 15 al 30 Novembre 2019

Dove?

Nel centro storico e nella provincia di Brescia

Quest’anno ricorrono i trent’anni dalla caduta del muro di Berlino, un evento epocale nella storia contemporanea europea e mondiale. Per questo abbiamo voluto che la nuova edizione del Festival della Pace divenisse occasione per sviluppare una riflessione sull’Europa e il mondo di oggi: sui “nuovi muri”, materiali e immateriali, che dividono la famiglia umana, impedendo la pacifica convivenza e le relazioni tra le persone e i popoli; sull’importanza di continuare a costruire relazioni positive e pacifiche quali alternative alla cesura che i muri costituiscono. Avremo l’onore di farlo, nella giornata inaugurale, con il Presidente del Parlamento Europeo, David Maria Sassoli, che ha voluto esprimere la sua piena condivisione, oltre che con la sua prestigiosa presenza, assegnando al nostro Festival l’alto patrocinio del Parlamento Europeo.

Viviamo un periodo storico caratterizzato da minacce crescenti alla pace che si manifestano in forme e modalità differenti in diverse regioni del mondo. È allora utile che le pubbliche amministrazioni promuovano una riflessione che faccia crescere all’interno delle proprie comunità la cultura della pace e i valori universali di giustizia, solidarietà, cooperazione, tolleranza e rispetto per l’altro.

Giunto alla sua terza edizione, Il Festival della Pace di Brescia vuole essere un’opportunità di approfondimento di queste tematiche, attraverso l’utilizzo di linguaggi diversificati per meglio rispondere alle esigenze di pubblici e sensibilità differenti, anche grazie al contributo di grandi personalità che a livello internazionale si spendono per difendere valori di civiltà conquistati a caro prezzo.
Tra queste, ci piace qui citare l’artista curda-turca Zehra Doğan, giornalista e attivista incarcerata dal regime turco e divenuta un’icona internazionale della lotta per la libertà di espressione, alla quale – grazie alla collaborazione con Fondazione Brescia Musei – abbiamo voluto dedicare un’importante mostra in Santa Giulia.
Un programma davvero ricco di spunti su temi di attualità che, ne siamo sicuri, non mancheranno di essere apprezzati dal pubblico bresciano e non solo.
Non possiamo quindi che esprimere tutta la nostra gratitudine nei confronti delle tante realtà che non hanno risparmiato sforzi per contribuire a realizzare un programma di altissimo profilo.

La pace è un sogno che non possiamo mai smettere di coltivare. A ognuno di noi, giorno dopo giorno, spetta il compito di non lasciare che diventi utopia.

Emilio Del Bono
Sindaco di Brescia

Roberto Cammarata
Presidente del Consiglio Comunale di Brescia